Gli ingredienti che uso personalmente per preparare i miei colori ad olio sono:
pigmenti o terre colorate che trovate nei negozi di belle arti
olio di lino a freddo: se ne possono usare altri come l’olio di noce meglio se cotto, persino di girasole, ma quest’ultimo offre un risultato qualitativamente minore devo dire che non l’ho mai usato.
bianco di Meudon (origine Francia che si trova facilmente in Italia) costa poco, 2/3 euro al kg. Se non ne trovate potete usare il bianco di Bologna ma è piu’ grossolano e meno “elastico” del bianco di Meudon.
Materiale:
– un piano non assorbente tipo una lastra di vetro o un pezzo di marmo, se no un piatto in ceramica ecc
– un coltello per pittura ( quello che si usa per dipingere) o un cucchiaino se proprio non avete voglia di spendere per una prima esperienza.

Quindi,
-appoggiate il pigmento sul supporto: la quantità dipende ovviamente del dipinto che vi preparate a realizzare, ma ci vuole una piccola quantità per fare tanto colore! Diciamo per cominciare un cucchiaino;
-come per l’impasto per la pasta, fateci un buco in mezzo e deponete qualche goccia di olio di lino: la quantità è ad occhio, sappiate che il risultato deve essere quello dei colori in tubetti, o del dentifricio.
– per dare più consistenza e aumentare cosi’ la quantità, io aggiungo un po’ di bianco di Meudon, il quale, benche’ bianco, non altera il colore del pigmento.
E voilà, il colore è pronto! Ma avrete bisogno di un diluente per dipingere: l’essenza di trementina.
Non si mescola tutto il colore con la trementina: si prende il colore con il pennello e poi si va a bagnare leggermente il pennello nella ciotolina dove avrete versato un po’ di trementina.
Se iniziate a dipingere, non acquistate la trementina in un negozio specializzato che costa tanto, usate quella che trovate in un fermenta, brico center…io uso quella.
Se volete, potete anche mescolare alla trementina (1/3 della quantità) un siccativo che trovate anche facilmente, per accelerare i tempi di asciugatura, che sono lunghi con i colori ad olio. Io non ne uso.

Pulitura degli attrezzi
Pennelli e coltelli ecc, insomma tutti gli attrezzi vanno assolutamente lavati accuratamente dopo ogni uso, prima con trementina e dopo con acqua calda o no e detersivo per i piatti!
Quali pennelli?
Per pittura ad olio ovviamente, i migliori sono quelli con pelo di …? eh non so come si dice in Italiano , “Marte” in fancese, comunque, anche un pennello con peli di bue o di maiale andra benissimo, e poi dipende di cosa volete dipingere…

DOMANDE? Chiedetemi!
Ciao e grazie di passare a trovarmi ogni tanto….

»

    • Ciao Luca,
      Il bianco di Meudon non ha niente a che vedere con la tonalità : è una carica, da consistenza al prodotto. Per fare un colore ci vogliono dei pigmenti, un legante, in questo caso l’olio, in altri, la colla oppure il rosso dell’uovo….e un diluente, la trementina per i colori ad olio, l’acqua per i colori acrilici, acquerelli…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...